Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
3 Gennaio 2016
Commenti Commenti disabilitati su RILEVARE UNA DIMA
Categoria Uncategorized
3 Gennaio 2016, Commenti Commenti disabilitati su RILEVARE UNA DIMA

Realizzare una coperta in TEAK SINTETICO, rende indispensabile come prima cosa prendere la sagoma della parte da ricoprire, per poi poter lavorare comodamente su un banco da lavoro.

CHE COS’ E’ UNA SAGOMA?

Una  sagoma (o dima) è un modello, la copia di quella o quelle parti che si devono replicare a bordo dell’imbarcazione e sulla cui base verranno sviluppate le superfici della vostra coperta in teak sintetico.
Una sagoma può essere costruita in vari modi, qui di seguito ve ne proponiamo due tra i più semplici ed efficaci:

  • CON CARTONCINO
  • CON FOGLI DI PLEXIGLASS

 

Cartoncino


Questo procedimento è sicuramente il più economico.  Stendete dei fogli di cartoncino da 180 gr (piu sottile è più impreciso, più grosso è difficile da piegare e sagomare sulle forme della barca.  Stendete i fogli sulle superficie da rivestire e collegate le varie parti tra di loro con del nastro da pacchi fino ad aver un unico foglio leggermente abbondante che ricopra tutta la superficie. Se avete problemi a tenerlo fermo potete praticare delle incisioni a finestra sul cartoncino stesso e fissare il cartoncino alla barca con del nastro di carta.    Questo per far si che il supporto non si muova assolutamente.

Dopo di chè con una matita o un pennarello a punta fine, seguite il segno sottostante dell’antiscivolo (che apparira facendo un po di pressione con le dita) o della linea perimetrale delle pareti che descrive la forma da rivestire.   Molto importante segnare la direzione delle doghe, l’allineamento tra le varie parti in maniera da poterle mettere in linea e numerare con un numero univoco ogni pezzo delle sagome .

A lavoro finito rimuovete accuratamente il cartoncino che sarà pronto per essere lavorato su un banco da lavoro.

Plexiglass, Policarbonato, Acetato (da 0,15 a 0,25 mm)


In questo caso la procedura è molto simile a quella anteriore, con la differenza che il materiale è trasparente e vi permette di vedere al di sotto, permettendovi quindi di copiare i dettagli e le linee che vi interessano.  Il materiale è forse un po piu ostico da modellare nelle parti curve e strette rispetto al cartoncino, però ha il vantaggio di essere particolarmente rigido e indeformabile e quindi consigliato per le persone meno pratiche.

SU OGNI SAGOMA  VA SEMPRE INDICATO:

  • Numero
  • poppa e prua,
  • centro della dima
  • orientamento delle doghe
  • riferimenti con eventuali parti da ricoprire (scalini, portelli, ect).

Accompagnate le sagome da una serie di foto che saranno utili nella fase di lavorazione per sciogliere dubbi dell’ultimo minuto.

Ora non rimane che decidere se inviarla a noi per ricevere un nostro preassemblato o metterla sul banco da lavoro e fare voi il lavoro per vostro conto. A voi la scelta!

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Comments are closed.